• Pubblicata il
  • Autore: ANTONELLA M.
  • Categoria: Racconti etero
IL MIO FLIRT CON BOBBY SLURP – capitolo quarto – Follonica (GR) - Parma Trasgressiva
  • Pubblicata il
  • Autore: ANTONELLA M.
  • Categoria: Racconti etero

IL MIO FLIRT CON BOBBY SLURP – capitolo quarto – Follonica (GR) - Parma Trasgressiva

Una volta ha mandato un suo amico a prendermi dal supermercato, e questo ha cominciato a molestarmi. Ovviamente l'ho rifiutato e gli ho detto che se non si fosse fermato, l'avrei detto a Bobby. Per tutta risposta, lui ha detto che, se continuavo con le minacce, avrebbe rivelato la nostra tresca alla moglie di lui.
Sono stata proprio una stronza ad accettare quel passaggio, ha preteso che gli facessi un pompino perchè sapeva che adoro giocare con lo sperma in bocca. Ero stordita, non potevo crederci, ho provato a uscire dalla macchina, ma le porte erano bloccate.
Finalmente siamo arrivati a casa di un amico di Bobby, c'erano dei ragazzi che cuocevano carne alla brace e bevevano litri di birra. Lui stava parlando al telefono e ha continuato senza neanche salutarmi. Sono stata lì per quasi mezz'ora e mi ha ignorato totalmente, ero incazzata come una biscia e mi sentivo imbarazzata e umiliata, mentre i suoi amici mi guardavano sogghignando.
Dopo un po' i ragazzi sono andati dentro casa, io gli ho detto che non mi piaceva ciò che stava accadendo. Si è incazzato pure lui e mi ha detto di andarmene. Ho gridato che il suo amico mi aveva costretto a fargli un pompino e che volevo finirla qui. Mi ha fissato con uno sguardo malato.
- Non urlare contro di me, troia!
Mi ha schiaffeggiato e sono rimasta impietrita. Non riuscivo a credere che potesse parlarmi in quel modo e colpirmi. Ero spaventata.
Ha cominciato a offendermi, dicendo che era lui a portare i pantaloni. Ha afferrato la mia gonna strappandomela di dosso, mi ha preso per i capelli e mi ha dato un calcio.
- Mettiti nuda!
Ha ordinato con tono feroce e tirandomi tra i capelli. Ho cominciato a piangere e mi sono fatta indietro, ma Bobby mi ha tolto i vestiti e mi ha detto di levarmi anche le mutandine.
- No, mi vergogno... Non voglio farlo con quei ragazzi che mi posso vedere...
- Hey bella, qui sono io il capo! Qui tu sei soltanta la mia cagna!
Ho ubbidito per paura e sono rimasta nuda con solo le scarpe addosso. Mi ha trascinato dentro casa e si è seduto in mezzo al soggiorno, lasciando che i suoi amici mi osservassero.
Poi mi ha ordinato di mettermi in ginocchio e succhiargli l'uccello.
Mi sentivo estremamente umiliata, eppure provavo una leggera eccitazione e mi stavo bagnando la fica. Non avendo alaltra scelta, gli ho abbassato i calzoni e i boxer e ho iniziato a succhiare mostrando il mio culo agli altri ragazzi e regalando loro un piacevole porno show. La situazione è diventata molto pesante e non ho più cercato di oppormi in qualsiasi modo. Ho accettato il ruolo come una escort in un film hard.
- Farai sesso anche coi miei amici! Ok ragazzi?
- Ok, ok... se sta bene a lei...
Hanno risposto due di loro.
- Possiamo anche scoparla?

CONTINUA

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati